Che cosa sono le vene varicose e la malattia venosa cronica?

Posted on

Si presentano come rigonfiamenti nodosi che possono interessare soprattutto i polpacci, ma anche la parte interna della gamba.

Può causare dolore in entrambe le gambe con intorpidimento e perdita della sensibilità sotto al ginocchio. Ci sono molte malattie che possono causare dolore alla gamba. Le malattie della tiroide possono causare dolore alle gambe. Inoltre, i farmaci per determinate malattie sono noti per causare dolore muscolare ad una gamba o crampi. Gravidanza: le donne incinte possono soffrire di dolore alle gambe specialmente verso la fine della gravidanza. Poi ci sono anche delle calze studiate apposta per questo problema che aiutano ad contenere le vene varicose ma allo stesso tempo garantiscono benefici anche estetici. Erbe avvelenate possono causare problemi immediati ma anche a lungo andare pertanto è bene fare attenzione, oltre ai veleni propri della natura quali Cicuta, vite bianca, ecc. Nella confezione pillole per 3 mesi Efficace e sicura La maggior parte delle donne con più di 18 anni di età possono usare la pillola Le vene varicose sono all’inizio solo un problema estetico, ma se non curate possono dare problemi più importanti come flebiti e ulcere.

I fastidi, come abbiamo detto, non sono solo estetici, ma anche fisici: stanchezza continua, difficoltà nei movimenti, dolore. Ecco alcuni rimedi naturali che possono alleviare i sintomi delle vene varicose.

  • Prurito
  • Edema di gambe e caviglie
  • Arrossamento della cute
  • Fatica a camminare, stanchezza e tendenza all’intorpidimento, soprattutto dopo essere rimaste a lungo in un tessa posizione
  • Surriscaldamento

Durante la gravidanza, le vene a ragnatela e le vene varicose tendono a peggiorare e possono causare dolore, diventare calde e assumere un colore porpora.

A seconda della gravità della malattia varicosa possono essere prese in considerazione varie soluzioni terapeutiche: - Compressione delle varici con calze elastiche terapeutiche o bendaggi. I fattori che possono aumentare il rischio di questa malattia durante la gravidanza sono: Generalmente, dopo il parto le vene varicose regrediscono. Nella popolazione generale la malattia varicosa ha una frequenza del 15-30%, se si considera unicamente la degenerazione dei sistemi della vena Safena e delle sue collaterali Quando purtroppo nelle gambe si presentano le vene varicose, è necessario l’intervento dell’angiologo che procederà con un intervento chirurgico e una chiusura dei capillari, che si chiama terapia sclerosante. Per affrontare il problema delle vene varicose sono disponibili diversi tipi di cure che si suddividono in: Questi trattamenti possono essere effettuati singolarmente, oppure in associazione. La safenectomia è un intervento chirurgico che prevede l’asportazione totale o parziale della safena, vena presente nella gamba che dovrebbe riportare il sangue dai piedi verso il tronco. Le fastidiose dilatazioni delle vene provocate da fattori ormonali e meccanici non sono solo un problema estetico ma anche di salute perchè possono portare a problemi di tipo coagulativo. I disturbi nervosi sono alcune delle malattie che possono influenzare il sistema nervoso e causare prurito,  come: Altre malattie che causano prurito Può essere causato anche da: A causa della cattiva circolazione, non è raro sentire prurito alle gambe durante la gravidanza.

  • Crampi notturni ai polpacci
  • Dilatazione delle vene più periferiche e visibili
  • Dolore
  • Gambe gonfie
  • Flebite
  • Ispessimento della cute
  • Trombosi alle vene
  • Vene varicose
  • Ulcere alla pelle

Si consiglia anche di non ricorrere alla pressoterapia quando il problema delle cellulite è già ad uno stadio piuttosto avanzato.

Dott.ssa Martina Bissi Stai per uscire dal sito SapereSalute.it L’eczema varicoso è una condizione della pelle dovuta all’aumento della pressione nelle vene delle gambe. Esse possono interessare sia le vene superficiali, come la vena safena, cioè la vena che percorre l’intera lunghezza della gamba, sia le vene profonde. Gambe stanche, sensazione di pressione, crampi, prurito, dolore… Le varici non sono un problema da nulla, si tratta di una realtà che può benissimo limitare la qualità della nostra vita. Un utero incarcerato può causare un dolore pelvico acuto nelle fasi precoci della gravidanza ed è, di solito, associato con la retroversione e con aderenze pelviche. I punti dolorosi della parete addominale possono causare dolore pelvico e possono essere identificati all’esame dell’addome sui margini laterali del muscolo retto. In genere le vene varicose non appaiono solamente come problema estetico ma solitamente sono associate a prurito, dolore e alla sensazione di pesantezza, stanchezza delle caviglie e gambe gonfie. Nonostante l’incidenza della gravidanza sul problema delle vene varicose è spesso probabile un loro naturale riassorbimento nei mesi seguenti al parto. In sostanza, le creme rettali come Proctolyn possono essere molto utili per trattare i sintomi delle emorroidi perchè riducono la sensibilità della zona e quindi alleviano dolore e prurito. Gli effetti indesiderati più comuni sono: dolore nel sito di iniezione, arrossamento e prurito della pelle (orticaria), scolorimento temporaneo della pelle, tromboflebite superficiale (coagulo di sangue in una vena superficiale).

  • Prurito molto intenso
  • Ispessimento della pelle
  • Escoriazioni della cute, dovute al grattamento
  • Infezioni secondarie
  • Febbre
  • Pus
  • Dolore acuto

Queste vene possono causare dolore, stanchezza, o una sensazione di bruciore agli arti che ne sono affetti.

Problemi epatici: malattie del fegato che provocano un rialzo della bilirubina nel sangue possono determinare comparsa di prurito alle gambe. Rigonfiamento della vena all’altezza della vagina – Questa condizione viene chiamata varici vulvari e provoca prurito, gonfiore e dolore durante i rapporti sessuali. Quando le dimensioni siano sufficienti a causare sintomi, sostanzialmente si ha: dolore sordo del testicolo, senso gravativo di pesantezza a livello scrotale e problemi di infertilità. Nei casi più seri, le varici si presentano già prima della gravidanza, e con l’arrivo del nostro bebè peggiorano sia esteticamente che dal punto di vista del dolore. Le vene varicose portano alla formazione di coaguli (o trombi) che possono staccarsi, e finire, ad esempio, nei polmoni e causare l’embolia polmonare, una malattia mortale. In genere non viene limitata la mobilità dell’arto colpito (il paziente non avrà quindi difficoltà a camminare, se ad essere colpita fosse una vena della gamba). Nonostante possa essere presente dolore, quando viene colpita la gamba il paziente non mostra alcuna difficoltà nel camminare. Un massaggio non deve mai causare dolore, ma non abbiate mai paura di parlare delle vostre preferenze direttamente con il massaggiatore. Fig 1: Questo paziente presenta varici evidenti alla gamba collegate ad un malfunzionamento della safena nel tratto che va dall’inguine al disotto del ginocchio.

L’eczema varicoso, eczema da stasi, dermatite venosa o dermatite varicosa è un’infiammazione della cute sviluppata da persone con problemi alla circolazione venosa a livello delle gambe.

La metodica di occlusione della vena safena con Closure Fast è una tecnica ambulatoriale efficacissima nella cura delle varici degli arti inferiori. Oltre al aspetto brutto, le vene varicose possono causare reale disagio e il dolore, che peggiora soprattutto se il vostro lavoro richiede lunghe ore di seduta o in piedi. Le vene varicose possono essere le conseguenze di altri problemi come: La vita sedentaria della società occidentale, ha reso le vene varicose, un problema molto diffuso, soprattutto fra le donne. Le varici, oltre ad essere antiestetiche, possono causare dolore, stanchezza e pesantezza alle gambe, possono comparire a qualsiasi età, ma è più frequente che accada dopo i 30 anni. Le vene varicose possono essere asintomatiche oppure causano dolore e gonfiore alla gamba destra, sinistra o entrambe. Il dolore e il prurito alle gambe sono alcuni sintomi provocati dalle vene varicose. Esse infatti sono causate da un problema di circolazione sanguigna che può provocare anche altri sintomi come pesantezza, dolore e affaticamento alle gambe. Il dolore al polpaccio è causato da una lesione muscolare, patologie neurologiche, o problemi vascolari nella parte inferiore della gamba. Quando si accumula una quantità eccessiva di liquido, può causare dolore nella parte posteriore della gamba. La compressione dei nervi della gamba può causare dolore urente, intorpidimento nel polpaccio e formicolio al piede. Se le valvole e le pareti della vena sono deboli possono causare una colorazione blu o violacea della vena vicino alla pelle. Le vene varicose possono causare dolore, soprattutto dopo lunghi periodi in piedi. L’emorragia delle vene dell’esofago (varici) è una delle complicanze più gravi che può verificarsi in un paziente affetto da una malattia cronica del fegato.